mercoledì 14 luglio 2010

Di singles pentiti e altre amenità

Sono single da sei mesi abbondanti e solo adesso inizio a interessarmi alle tematiche che ruotano intorno a quella che in un primo momento mi sembrava una condizione imposta ma che con il passare del tempo è andata assumendo sempre più i contorni di uno stato di grazia.
Ora, senza dilungarmi troppo onde evitare di tediare me stesso e quelli ai quali capiterà di leggermi, mi sto trovando sempre più spesso davanti a singles che tradiscono ogni due parole la speranza che questa loro situazione si possa risolvere nel più breve tempo possibile.
Capisco l'imprinting cattolico-romantico, ma come si fa a non rendersi conto del fatto che, se si è rimasti delusi da tutti i precedenti rapporti di coppia, forse il problema non stava nelle persone con le quali si è stati insieme, nè tantomeno in noi stessi?
Come si fa a non venire neanche sfiorati dall'idea che i rapporti di coppia vadano a ramengo per il semplice motivo che i rapporti di coppia sono intrinsecamente destinati ad andare a ramengo, tranne che in quei casi in cui entrambi i membri non abbiano voglia di sacrificare loro stessi e la loro felicità pur di tenere in piedi una coppia?
Ora, voglio dire. Avete mai visto persone che, essendo riuscite a sconfiggere un cancro che stava per distruggergli la vita, sperino in una recrudescenza per poter tornare al loro tran tran di chemioterapie e capelli che cadono?
E allora, amici miei, perchè tanto accanimento coniugale?
Possibile che non siate davvero in grado di godere della libertà che avete? Possibile che abbiate paura dell'idea di poter gestire le vostre vite come più vi aggrada?
Eppure è così meraviglioso pensare di essere liberi.
E' così meraviglioso pensare che il nostro sposo o la nostra sposa ideale siamo noi stessi.

6 commenti:

  1. Non tutti i single sono persone alla disperata ricerca di un nuovo amore con il quale soppiantare il vecchio. Bisognerebbe rivedere alla radice l' idea stessa di single. Non necessariamente il single è un perdente che non aspetta altro che trovare l'anima gemella. Sempre più spesso è una condizione consapevole. Di beata solitudine e libertà. In fondo l'uomo ideale alla ricerca della donna ideale è il modo migliore per rimanere single!

    RispondiElimina
  2. Sai, Valeria, stavo proprio facendo una lista "per assurdo" delle caratteristiche necessarie per considerare una donna in quanto "la donna ideale". Ne è venuto fuori un quadro, appunto, talmente improbabile da farmi pensare che morirò single. Non che l'idea mi dispiaccia più di tanto.
    Magari farò un post con l'identikit, non si sa mai che qualcuna ci si riconosca! :)

    RispondiElimina
  3. ..ma essere single ha anche i suoi lati positivi..sai di quante amiche puoi circondarti? :)

    RispondiElimina
  4. Oh, se lo so! Il problema è che la maggior parte di loro inizia bene, ma finisce con il cercare di mettermi il cappio al collo.

    RispondiElimina
  5. Per questo esiste la selezione della specie..anche lì..è una questione di sopravvivenza! :)

    RispondiElimina
  6. Ecco, ho fatto la lista della spesa della donna ideale! Resterò single. :)

    RispondiElimina