martedì 7 settembre 2010

Poesiole del liceo (A.K.A. Ritrovamenti archeologici)


Ho visto la mia città,
ed anche voi,
se non foste ciechi,
l'avreste notata.
Era lì. Ferma
eppure mutevole,
e senza saperlo
l'abitavate.
Ferma, su di voi,
a testa in giù,
tutta campi viola
e pianure rosate.
Fiumi bluastri,
colli magenta,
monti screziati
di rossi diversi.
Voi, senza sapere,
l'avete guardata
e come ogni sera
non l'avete vista.
Ma è sempre lì
a testa in giù,
colorata e luminosa
tavolozza del tramonto.

4 commenti:

  1. mi piace un casino sta cosa dei colli magenta.

    RispondiElimina
  2. Dovresti vedere qualche tramonto sullo stretto. Di quelli bellissimi che, purtroppo, non si mangiano.

    RispondiElimina
  3. non si mangiano, non si comprano, si conservano in un angolino del cuore per quando si è tristi...

    RispondiElimina
  4. Bella! pensi che si possa riferire anche a Roma? :-)

    RispondiElimina